Archivi tag: http:italia2009.myblog.it

IL VERGOGNOSO MONOLOGO DI BERLUSCONI A PORTA A PORTA

IL VERGOGNOSO MONOLOGO DI SILVIO BERLUSCONI A PORTA A PORTA

Ieri 3 giugno a porta a porta si è svolto quello che dovrebbe essere stato un confronto politico

tra il presidente del consiglio Berlusconi e l’ opposizione. Ebbene tutto si è risolto in un

monologo vergognoso senza che nessuno si opponesse  alle sue stronzate.

Alla timida domanda inerente all’ impego improprio degli aerei di stato fa seguito una una risposta

vergognosa “quando si viaggia in aereo uno in più o in meno è la stessa cosa.”Ma il costo delle assicurazioni?

Il servizio di sicurezza ? E tutto il resto ? Ci siamo signori anche se non ancora dichiarata la dittatura è già arrivata fra noi.Berlusconi sta già agendo come un dittatore vero e proprio.Si è aperta un’ inchiesta su di lui sull’ impiego improprio degli aerei di stato che naturalmente grazie al nodo Alfano verrà  archiviata,senza aver luogo a procedere.Stesso caso avvenuto nel 2007 per Mastella e Rutelli sempre achiviato il tutto.Per cui i nostri ministri potranno andare dove e quando vorranno con gli aerei che paghiamo noi a farsi le proprie gite private a nostre spese.Altra legge a doc su misura per lui e chiaramente di stampo dittatoriale.Infatti la legge vigente all’ epoca del governo prodi che prevedeva il reato di peculato per l’uso improprio di aerei di stato è stata modificata il 25 luglio 2008 a suo favore per cui adesso il nostro premier può scorrazzare con le sue veline amici e portaborse vari dappertutto dove e come gli pare senza che nessuno possa intervenire per bloccare questo abuso di potere.Dovete sapere che il numero dei voli nei primi quattro mesi del 2009 rispetto al 2008 è passato da 150 ore mensili a 400.Questa è un’ulteriore prova di forza impostaci dal nostro Premier.

Io non sono abituato ad offendere le persone,ma questa volta mi devo rivolgere agli elettori di Berlusconi e lo devo proprio dire

” O SIETE SUOI COMPLICI CORROTTI COME LUI O SIETE VERAMENTE DEGLI IMBECILLI.”

Gianni Iviglia