Archivi tag: movimento italiano

“A. A. A. offresi interviste di Patrizia che accusa Berlusconi di ogni cosa”

Un misterioso interlocutore contatta tv e giornali per vendere nuovi “scoop” sui rapporti fra la escort barese e il premier. Intanto si scatenano gag e barzellette. Crozza: “Palazzo Grazioli era una casa aperta perchè non la controllavano. Se l’avessero controllata, sarebbe stata una casa chiusa”

20090617_berlusconi-daddario.jpgROMA, 24 giugno 2009 –  “Dopo il botto, spunta l’agente – scirve Emilio Gioventà su dagospia.com – La vicenda di Patrizia D’Addario si arricchisce di un nuovo personaggio e di nuovi misteri. Si tratta di una persona che in questi giorni sta freneticamente contattando le redazioni giornalistiche specie di importanti emittenti televisive per piazzare interviste con la ragazza che sostiene di aver partecipato a feste, dietro compensi, nelle dimore di Silvio Berlusconi. Il che risulta strano, visto che da quando è scoppiato il caso, la D’Addario è assistita dall’avvocato Maria Pia Vigilante, professionista molto nota a Bari, promotrice del comitato pari opportunità dell’Ordine degli avvocati e presidente della onlus Giraffa (Gruppo indagine e resistenza alla follia femminile), impegnata contro lo sfruttamento della prostituzione.

Battute di Maurizio Crozza, il comico de La7: “Prendiamo Palazzo Grazioli, non lo controllavano, era una casa aperta. Se lo controllavano era una casa chiusa». «Per venire qui mi hanno mandato una macchina, una Ford. Mi hanno chiesto: ‘Vuoi una Escort?’ E io: ‘No, lasciamo stare’». Infine conclude: «Nel dubbio ho registrato tutto, adesso se non mi date un seggio all’Onu mando tutto ai giornali».

Berlusconi fa il Mustafà con Uma Thurman. Racconta Dagospia:”Ah, il premier. Silvio Berlusconi una ne fa, cento ne pensa. Ne sa qualcosa Valentino Valentini, deputato e consigliere di Berlusconi. Si racconta che durante la sua festa di compleanno, presente anche il premier, in un noto locale ci fosse, per altri motivi, anche l’attrice Uma Thurman. La sua bellezza non sfugge ai commenti del festeggiato e dei suoi ospiti. Alla classica frase «mi piacerebbe conoscerla», si sarebbe immolato proprio Berlusconi che avvicinatosi all’attrice americana le ha detto: Cara Uma, sa chi è l’amante più focoso? Un arabo. e quello più galante? Un napoletano. Ecco, le presento Mustafà Esposito». E giù risate. (Emilio Gioventù)

NOEMI A VOTARE CON LA SCORTA:MA SIAMO PAZZI?

 E al seggio scoppia la bagarre

Per il suo esordio da elettrice la 18enne di Portici si è presentata con occhiali scuri, capelli sciolti e abito nero, è stata scortata dal padre fino alle urne e dalla municipale fuori dal seggio.

E al seggio scoppia la bagarre

Per il suo esordio da elettrice la 18enne di Portici si è presentata con occhiali scuri, capelli sciolti e abito nero, è stata scortata dal padre fino alle urne e dalla municipale fuori dal seggio.

Noemi Letizia vota, accompagnata dal padre e dalla madre e al seggio, a Portici (Napoli) scoppia una polemica sulle procedure adottate. Noemi è la ragazza al centro del caso scoppiato per l’amicizia con il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, dopo che il premier aveva partecipato alla sua festa di 18 anni, lo scorso aprile.

La giovane doveva votare alla sezione 62 del quarto Circolo didattico di Portici, da ieri assediato dalla stampa. Quando è arrivata le porte sono state chiuse, per il tempo del voto, e si sono registrati momenti di tensione, con forti proteste dei giornalisti, anche a causa della decisione di accogliere la richiesta della giovane di farsi accompagnare fino all’urna dal padre, Benedetto Letizia, estraneo al seggio perchè iscritto in altra sezione.

Noemi Letizia per il suo esordio da elettrice si è presentata con occhiali scuri, capelli sciolti, abito nero elegante ed alla fine, scortata da alcuni agenti della polizia municipale, è andata via su una Mercedes, senza dire una parola. “Vergogna, scortate un cittadino!”, ha gridato un gruppo di persone che si trovavano all’esterno del seggio di Portici.

IL VERGOGNOSO MONOLOGO DI BERLUSCONI A PORTA A PORTA

IL VERGOGNOSO MONOLOGO DI SILVIO BERLUSCONI A PORTA A PORTA

Ieri 3 giugno a porta a porta si è svolto quello che dovrebbe essere stato un confronto politico

tra il presidente del consiglio Berlusconi e l’ opposizione. Ebbene tutto si è risolto in un

monologo vergognoso senza che nessuno si opponesse  alle sue stronzate.

Alla timida domanda inerente all’ impego improprio degli aerei di stato fa seguito una una risposta

vergognosa “quando si viaggia in aereo uno in più o in meno è la stessa cosa.”Ma il costo delle assicurazioni?

Il servizio di sicurezza ? E tutto il resto ? Ci siamo signori anche se non ancora dichiarata la dittatura è già arrivata fra noi.Berlusconi sta già agendo come un dittatore vero e proprio.Si è aperta un’ inchiesta su di lui sull’ impiego improprio degli aerei di stato che naturalmente grazie al nodo Alfano verrà  archiviata,senza aver luogo a procedere.Stesso caso avvenuto nel 2007 per Mastella e Rutelli sempre achiviato il tutto.Per cui i nostri ministri potranno andare dove e quando vorranno con gli aerei che paghiamo noi a farsi le proprie gite private a nostre spese.Altra legge a doc su misura per lui e chiaramente di stampo dittatoriale.Infatti la legge vigente all’ epoca del governo prodi che prevedeva il reato di peculato per l’uso improprio di aerei di stato è stata modificata il 25 luglio 2008 a suo favore per cui adesso il nostro premier può scorrazzare con le sue veline amici e portaborse vari dappertutto dove e come gli pare senza che nessuno possa intervenire per bloccare questo abuso di potere.Dovete sapere che il numero dei voli nei primi quattro mesi del 2009 rispetto al 2008 è passato da 150 ore mensili a 400.Questa è un’ulteriore prova di forza impostaci dal nostro Premier.

Io non sono abituato ad offendere le persone,ma questa volta mi devo rivolgere agli elettori di Berlusconi e lo devo proprio dire

” O SIETE SUOI COMPLICI CORROTTI COME LUI O SIETE VERAMENTE DEGLI IMBECILLI.”

Gianni Iviglia

QUESTO E’ UN CRIMINE

GIORNATA MONDIALE DELL’ORGOGLIO PEDOFILO (meglio dire PEDOCRIMINALE)

SI AVETE LETTO BENE, IL 23 GIUGNO SI TERRA’ LA GIORNATA MONDIALE
DELL’ORGOGLIO PEDOFILO, TUTTI I PEDOFILI DEL MONDO ACCENDERANNO UNA CANDELA AZZURRA. UN GESTO SIMBOLICO PER RICORDARE I PEDOFILI INCARCERATI PERCHE’, COME DICONO LORO,”VITTIME DELLE DISCRIMINAZIONI, DELLE LEGGI INGIUSTAMENTE RESTRITTIVE PER RIBADIRE L’AMORE CHE PROVIAMO PER I BAMBINI” (BOYLOVEDAY INTERNATIONAL). QUESTE PERSONE, SE COSI’ SI POSSIAMO CHIAMARLE, HANNO PURE UN SITO CHE NON E’ UN SITO ILLEGALE, NON CONTIENE PORNOGRAFIA, ANZI QUESTI SIGNORI SI IMPEGNANO A CONVINCERE I LORO LETTORI DI AGIRE NEL BENE, DI VOLERSI DIFFERENZIARE DAI CRIMINALI, DA CHI FA ATTI VIOLENTI, DA CHI COSTRINGE I BAMBINI, I RAGAZZI, DICENDO CHE LORO LI AMANO. INTERESSANTE LA GALLERIA DI IMMAGINI, DOVE ANCHE BABBO NATALE VIENE MOSTRATO COME PEDOFILO DOVE ADDIRITTURA VIENE MOSTRATO UN PRETE AMOREVOLE CON UN RAGAZZO, SI EVINCE UN DESIDERIO DI FAR APPARIRE ASSOLUTAMENTE NORMALE O COME PERVERSIONE SESSUALE, CHE NE SO’ COME PARTECIPARE AD UN’ORGIA, UN RAPPORTO AMOROSO TRA UN RAGAZZINO E UN ADULTO.NON E’ UNA NOVITA’, SONO 8 ANNI CHE QUESTA GIORNATA ESISTE, CHE QUESTO SITO E’ ON LINE, NELL’INDIFFERENZA GENERALE DI TUTTI GLI ORGANISMI INTERNAZIONALI, QUALCUNO HA ADDIRITTURA RICHIESTO L’INTERVENTO DELL’ONU, MA TUTTO E’ RIMASTO COSI’ COM’E’. ORA E’ PARTITA UNA PETIZIONE, CI SONO 3 PAGINE SU QUESTA GIORNATA E LA POLIZIA POSTALE SPIEGA PERCHE’ NON SI PUO’ CHIUDERE QUEL SITO.
L’ASSOCIAZIONE “PICCOLO ALAN” ONLUS CHIEDE CHE VENGANO OSCURATI TUTTI I SITI WEB CHE IN QUALCHE MODO DANNO VOCE E SPAZIO ALLA PEDOFILIA. LE ISTITUZIONI PRENDANO UNA FERMA POSIZIONE CONSIDERANDO REATO ANCHE LA SOLA PROMOZIONE ON-LINE DI QUESTO TURPE MERCATO. UN FERMO “NO” CONTRO LA GIORNATA INTERNAZIONALE DELL’ORGOGLIO PEDOFILO. PROVIAMOCI FACCIAMO UNA CATENA DI BLOGGER, SE CREDETE CHE POSSIAMO URLARE UN NO ANCHE NOI, PRENDETE QUESTO POST, COPIATELO NEI VOSTRI BLOG, NEI VOSTRI SITI, INVIATELO PER E-MAIL AI VOSTRI AMICI, CONOSCENTI, PRENDETELO E FATELO PRENDERE AI VOSTRI AMICI BLOGGER, UNIAMO LE NOSTRE FORZE PER QUALCOSA DI POSITIVO.

Vi prego e vi invito a far girare il più possibile questa mail. Uniti si può combattere questa piaga. L’indifferenza E’ COMPLICITA’.
Grazie

MESSAGGIO FATTO CIRCOLARE DA:
Alberto Sala
Presidente Associazione “PICCOLO ALAN” ONLUS

COME E’ POSSIBILE UNA COSA DEL GENERE?

QUESTI SONO I CRIMINI DEI QUALI QUEL VENDUTO DI D’ ALIA DOVREBBE INTERESSARSI!!!!!!!

2° PETIZONE CONTRO IL SENATORE D’ALIA

Per fermare il disegno di legge per la censura dei blog ci serve il vostro aiuto,basta semplicemente una vostra firma in questo sito http://firmiamo.it/italia2009, Chi volesse aderire alla petizione contro la legge D’Alia scriva nel commento a lato: Petizione D’Alia, dobbiamo arrivare ad avere almeno 10000 firme per bloccare di urgenza questa legge perciò vi chiediamo di divulgare questa petizione hai tutti vostri amici e conoscenti. Vi ringraziamo per la collaborazione…

La staf di ITALIA 2009